uggs baratas outlet DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive LA PROPRIA SORTE E L

comprar ugg madrid DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive LA PROPRIA SORTE E L

Noi nel nostro piccolo, nel nostro target formato da cinquanta milioni di clienti pi che da cittadini, alcuni fattori ci fan piacere e moltiplicano lacrime e sangue.

Migliaia di italiani che faticano ad arrivare alla fine del mese, con figli laureatissimi e disoccupatissimi, posti davanti al dilemma se stare dalla parte del venditore abusivo straniero che vende finte Vuitton a diciannove euro o a quella del vero Vuitton che le vende a millenovecento, non hanno esitazioni: parteggiano per il miliardario.

Migliaia di operai e lavoratori vedono le loro fabbriche migrare verso la Romania, la Bulgaria, la Cina, ma non esitano a scagliarsi contro il marocchino, l’albanese, il bengalese che “ruba il lavoro”.

Decenni fa la buona e brava gente della Nazione era via via illusa di migliorare la sua condizione, di mettersi al sicuro con il posto fisso, poi di fare un salto con la scolarizzazione di massa, poi di trionfare con l’ingegno italiano, il made in Italy,
uggs baratas outlet DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive LA PROPRIA SORTE E L
la fabbrichetta.

Oggi il posto fisso non c’ pi, il Made in Italy lo importiamo dalla Cina dove lavorano per sei pagati un sesto, la laurea in filosofia viene nascosta e negata persino nei curricula, se no non ti prendono a lavorare al call center o alla cassa del supermercato.

Si impone insomma la piccola borghesia scivolante, che slitta a velocit costante verso il proletariato, pur continuando a odiarlo come negli anni Venti.

Ed intanto qualcuno che sempre stato nella finanza, nella speculazione, nelle banche d’affari loro, che non ha mai sentito il dovere di opporsi a quelli venuti prima di lui che oggi lo sostengono recita il mantra: sobriet, sacrifici, spread, salva Italia, crescita, rigore, liberalizzazioni,
uggs baratas outlet DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive LA PROPRIA SORTE E L
equit.